Uomo in Carera. Da Zara.

Location: i portici di corso Vittorio Emanuele II a Milano. Se poi è vero che le donne si avvalgono per orientarsi solo di negozi e vetrine e non di strade e monumenti, ecco che torna comodo sottolineare (a una femminuccia come ciabattina dx)  che ci troviamo di fianco all’imponente ingresso del negozio di abbigliamento Zara, un tempo cinema del Corso (anche luogo di pellegrinaggio/festeggiamenti/caroselli degli interisti, dopo i successi della squadra del cuore, per inneggiare al famoso calciatore Mariolino Corso). In pochi lo notano, eppure abita lì dalla fine dell’Ottocento.

Et voilà... il Scior Carera

Et voilà… il Scior Carera

Si tratta di una statua romana,  un altorilievo  in marmo del III secolo, che dopo varie vicissitudini e traslochi, ha trovato posto sotto i portici del Corso. La prima riflessione: è sotto gli occhi di tutti, e le sue dimensioni non fanno sì che passi inosservata, ma chi onestamente l’ha mai, dico mai notata? Ciabattina dx ammette di aver notato piuttosto le vetrine adiacenti. L’appunto più simpatico riguarda comunque il modo in cui i Milanesi hanno ribattezzato questo altorilievo: precedentemente definito Huomo in pietra, da parecchio tempo  è stato chiamato Scior Carera. E il motivo, ancora una volta, è sotto lo sguardo di ogni passante.

Si noterà infatti ai piedi della statua un’epigrafe incisa in latino (da una massima attribuita a Cicerone), “CARERE DEBET OMNI VITIO QUI IN ALTERUM DICERE PARATUS EST (deve essere privo di ogni difetto chi è pronto a criticare il prossimo)”. Ma quello che conta è l’incipit, ovvero Carere. Da qui, of course (nel Corso?), Scior Carera. Quanta carriera ha fatto quest’uomo statuario!

0863_-_Milano_-_Statua_romana_del_Scior_Carera_-_Foto_Giovanni_Dall'Orto_5-May-2007a

il potere delle parole

Cascante, corrente sì, ma ferma… no!

Si chiama Fermona. Ed è una splendida, impressionante  cascata che forma un salto di ben 30 metri. Trovo molto curioso il fatto che sia stata chiamata Fermona, una cascata che ferma non sta mai! Ma a parte gli scherzi, quello che sorprende è anche il luogo dove scoprirla. Anche solo guardando l’immagine si può pensare di trovarsi in Alto Adige, o tra le montagne del Colorado o su un’altissima vetta dell’Asia, perchè no… e invece Fermona è a pochi km da Varese, in Lombardia! Per l’esattezza il luogo è Ferrera di Varese. Per raggiungere la cascata è necessario avventurarsi lungo una discesa scoscesa, scusate la rima. Tuttavia è molto praticabile, perchè in gran parte dotata di un grande corrimano di legno al quale potersi aggrappare nei punti meno comodi, considerando che talvolta tra un gradino e l’altro ci sono addirittura 50 cm. Però che incanto, una volta alla meta! Una vera full immersion in una Natura realmente incontaminata, dai toni forti e tranquilli al contempo. In un attimo ci si sente parte di quel tutto, lontani dai pensieri di sempre, e molto ma molto più vicini a se stessi.

una forza naturale, quieta eppure potente

una forza naturale, quieta eppure potente

Un tuffo dove l'acqua è più verde

Un tuffo dove l’acqua è più verde