Uno sketchnote camp a Bologna e una visita a Sassuolo: questo week-end è stato una gioia per gli occhi

La milanese sui libri, lo sapete, è una donna fortunata.

IMG_4137

Un po’ di tempo fa avevo conosciuto Sara Seravalle, che mi aveva raccontato il suo lavoro di facilitatrice visuale, ed ero rimasta affascinata e incuriosita. Ora per favore non tormentatemi su che cosa vuol dire esattamente facilitatore visuale, Sara con la sua socia Monica Diari spiega tutto nel sito Sketchapensieri.

IMG_4140

Un po’ di tempo fa Sara mi ha detto che avrebbe organizzato, insieme al gruppo di Sketchnote, un bar camp sullo sketchnote.

IMG_4138

Ora io ho con il disegno un rapporto proprio poco buono. Mi piacerebbe moltissimo saper disegnare. Ma non lo so fare ed evito di farlo. Però penso che il disegno sia un po’ come tutte le cose, che anche se non hai un talento speciale lo puoi imparare fino al punto di farlo con soddisfazione. Ma penso anche che con il disegno, un po’ come con la scrittura, sembra che ci si debba cimentare solo chi può raggiungere le vette della somma arte. E invece, così come si gioca a tennis divertendosi anche se si sa che non si diventerà mai Agassi (che tra l’altro il tennis lo odiava, come racconta nel bellissimo libro Open), così si può scrivere e disegnare e cantare e suonare divertendosi.

IMG_4082

Allo Sketchnote bar camp sapevo che non avrei avuto scuse e avrei disegnato per quello che ero capace. Sapevo anche, o intuivo, che il disegno raggiunge territori che la parola non conosce, ed esprime sensazioni ed emozioni e stati d’animo che la parola non sa esprimere.

Ed è stato proprio bellissimo. Non come me lo aspettavo perché non sapevo che cosa aspettarmi. Ma ho seguito diversi workshop, sulla rappresentazione di sé, sul disegnare seguendo la musica, sulla prospettiva e cosa vuol dire letteralmente guardare le cose da un’altra prospettiva, e sul disegnare i propri progetti come se fossero dei semi che solo un buon terreno e una cura costante possono far crescere… Ho conosciuto persone interessante e piene di progetti e di idee e di iniziativa, e sono sempre più sicura che di fianco all’Italia stanca, in crisi, ferma, immobile, ci siano tante piccole Italie che silenziosamente e alacremente stanno lavorando e innovando e inventando e dandosi senza risparmio.

IMG_4092

Il giorno dopo, in compagnia di amici cari che mi hanno ospitato a Bologna, ho continuato la mia “rinascita visuale” andando a visitare il Palazzo Ducale di Sassuolo, che era stato trasformato, nel 600 da castello a Delizia, luogo di divertimenti e villeggiatura, decorato con affreschi che fingono di essere arazzi, puttini screanzati che escono da sotto gli arazzi, balaustre decorate sui soffitti, e ogni sorta di gioco visivo che sicuramente ai tempi andava per la maggiore e che anche oggi lascia sorpresi e divertiti.

IMG_4087IMG_4097IMG_4096

Insomma se è vero che anche l’occhio vuole la sua parte, il mio può dirsi soddisfatto!

Buona settimana!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s