Cose belle: da #ioleggoperché all’Hangar Bicocca al Social Vintage Mistery Tour a qualche libro in corso

Ecco alcune piccole cronache dalla vostra fortunata milanese sui libri.

La prima è dall’Hangar Bicocca, dove sono stata tra il pubblico della trasmissione #ioleggoperché. Non ero mai stata all’Hangar Bicocca. Pur avendone sentito parlare e immaginandomelo come un posto affascinante e degno di visita, non mi era mai capitato di andarci. Forse anche per questo quando ci siamo divisi, tra me e i colleghi, la presenza all’evento #ioleggoperché, ho scelto l’Hangar Bicocca.

IMG_4158

L’enormità mi è piaciuta un sacco. Soffitti sconfinati, pareti nere, uno spazio immenso dove il set televisivo sembrava da lillipuziani. E un allestimento di colonne altissime sorrette da pile di libri. Mi è piaciuto anche osservare l’andirivieni di tecnici e assistenti, vedere quanto lavoro c’è dietro una trasmissione tv anche semplice, ed è vero che c’è tantissimo lavoro anche dietro ad un libro, a un vestito o ad un piatto prelibato, ma dietro le quinte della tv li puoi vedere tutti insieme.

Non dirò molto della trasmissione che è stata ampiamente commentata. A me è piaciuto molto Giacomo Poretti, di cui non ho letto il libro pur avendone visto una presentazione. Mi è piaciuto come raccontava il rapporto con i libri di chi di libri non sa nulla: quel misto di reverenza e incomprensione, proprio di quelle classi sociali che non avevano accesso alla cultura. Ora parlare di classi sociali è considerato veterocomunista e antiquato (nonostante le classi sociali continuino ad esistere) e anche parlare di accesso alla cultura fa tanto polverose pagine culturali di riviste destinate alla scomparsa, ma il problema esiste, e il modo ironico e delicato con cui ne parla in prima persona Giacomo Poretti per me è vero e commovente.

La mia condizione di donna fortunata, e curiosa, bisogna ammetterlo, mi ha portato per giri di conoscenze ed amicizie a conoscere via Facebook una simpatica signora cremonese che organizza dei Social Vintage Mistery Tour. Tra i Beatles e la carboneria mi sono ritrovata nella suggestiva campagna cremonese a rovistare tra vecchi mobili, oggetti e memorabilia vintage. Il luogo preciso viene tenuto appunto segreto e ci si va solo accompagnati: appena entrati Anna Casa ti fa indossare un grembiule e se vuoi i guanti, e ti lascia libero di scorrazzare, spolverare, toccare, soppesare e alla fine, se ti piace, comprare. Come nei mercatini che amo tanto, ci vuole occhio e attenzione per scovare le perle rare, che non mancano mai! Per non parlare degli incontri: a un certo punto sono arrivati una coppia molto elegante e una signora molto vintage, a bordo di una Lancia Flaminia blu perfetta, che sono degli habitué dei vintage tour, e il cui gusto è una garanzia di quello che si cela nel garage di Anna.

IMG_4190

Mariella indossa un tailleur vintage che era di sua zia… ricorda quelli delle hostess quando volare era chic

IMG_4199

La splendida Lancia Flaminia originale degli anni 50

Infine due pillole su libri che sto leggendo (non ce n’è nessuno finito di cui possa parlare compiutamente): Memoriale dell’inganno di Jorge Volpi e All the light we cannot see di Anthony Doerr. Volpi è uno scrittore messicano, e quello che mi ha fatto dire sì leggo questo libro è stato che parla della conferenza di Bretton Woods in cui venne creato il Fondo Monetario Internazionale e di John Maynard Keynes, e quello è un momento storico che mi è particolarmente caro. All the light we cannot see ha vinto il premio Pulitzer, e sebbene io non abbia per quel premio lo stesso debole che ho per il Man Booker Prize (di cui non solo compro il vincitore ma tutta la short list, e controllo sempre anche la long list) mi incuriosisce, e poi trovo così bello il titolo che l’avrei preso anche se non avesse vinto niente.

3Dnn+9_7B_med_9788804648642-memoriale-dell-inganno_originalallthelight-209x300

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s