L’Orchestra dei Popoli e un evento aperto a tutti in una Milano veramente plurale

Si parla tanto di condivisione e di armonizzare le diversità (lo abbiamo fatto anche noi pochi giorni fa). E si dice pure che la musica sia uno dei pochi linguaggi universali e inclusivi. Ma c’è chi ha saputo tradurre tante belle parole in realtà. È l’Orchestra dei Popoli Vittorio Baldoni. Schermata 2016-03-08 alle 16.18.09Un progetto che conto di descrivervi tra poco, non prima però di avervi segnalato un appuntamento davvero speciale: è un concerto il cui protagonista sarà l’arpa sud-americana, insieme a un ensemble che comprende alcuni degli altri elementi dell’Orchestra dei Popoli. Un autentico virtuoso di questo strumento è Wilman Guachi, giunto dall’Ecuador: probabilmente l’avete già sentito suonare. Ma non chiedetevi in quale sala per concerti o in quale programma radiofonico, avete conosciuto la sua qualità musicale unica: Wilman mette a disposizione di tutti i cittadini il suo straordinario talento sulle linee del metrò di Milano! Come recita la promozione dell’evento “Una città che si ferma difficilmente. Ma con lui è impossibile non fermarsi ad ascoltarlo.”

La locandina dell'evento che vi attende venerdì 11 a Milano

La locandina dell’evento che vi attende venerdì 11 marzo a Milano

Scoperto l’artista d’eccezione che animerà la performance, mi preme spiegarvi qualcosa di più dell’appuntamento e del progetto. Il concerto è la seconda delle “Serate della Fondazione”: un viaggio a tappe attraverso gli universi musicali geografici, che si era inaugurato a febbraio con i suoni, le atmosfere e la cultura musicale dell’Azerbajian.

L'atmosfera che si crea nello spazio della Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti

L’atmosfera che si crea nello spazio della Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti

In queste incredibili serate di “scoperta”, la condivisione è davvero totale: ci sarà infatti anche questa volta un invitante momento conviviale con una “piccola cena” subito dopo la fine del concerto, per incontrarsi e “allargare” il senso dello scambio e della conoscenza. E, cosa non da poco a Milano, tutto questo a offerta libera. Come accennavo prima, lo spazio che ospita l’iniziativa è sito in via Calatafimi, 10, presso la Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti Onlus, che anima il progetto e che è pure sede dell’Orchestra. Luogo, in queste occasioni, aperto al pubblico. Ma aperto è proprio l’aggettivo più calzante: perché è qui che si svolgono attività formativo-musicali, masterclass e laboratori, aperte ai musicisti più diversi che danno vita all’Orchestra dei Popoli. In effetti, è importantissimo sapere che tale Orchestra è un’autentica comunità artistica multi-etnica, di cui fanno parte ragazzi e adulti che appartengono a generazioni, culture e fedi differenti.

Un momento del primo concerto del programma

Un momento del primo concerto del programma

Ma c’è di più: accanto a musicisti esperti che hanno avuto l’opportunità di formarsi presso Conservatori e scuole a indirizzo musicale, suonano “talenti naturali” davvero singolari, che in genere hanno alle spalle storie di disagi economici e sociali. E chi è padrone dell’improvvisazione, può così studiare e imparare a leggere la musica, mentre i musicisti di stampo accademico, si lanciano nell’universo della sperimentazione. Un mix d’eccellenza che conduce fatalmente a una grande crescita personale e culturale, dove si producono e s’incontrano sonorità davvero uniche, classiche ed insieme etniche. Non perdete questo invito che concentra i popoli musicali del pianeta: ne sono certissima, vi piacerà un mondo.

 

Save the date: venerdì 11 marzo 2016, ore 20.

Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti Onlus, Via Calatafimi 10, Milano. INGRESSO A OFFERTA LIBERA

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s